Parla il tecnico dell’Italia Under 21, Paolo Nicolato in vista del match contro il Lussemburgo. Queste la parole.

Queste sono le parole di Paolo Nicolato, tecnico dell’Italia Under 21, ecco la situazione in vista del match contro il Lussemburgo.

Inizia parlando del match contro la Germania: “Nel gruppo di ieri contro la Germania avevamo 4-5 di questo biennio e altri del biennio scorso: Tonali, Pobega, Raspadori, Scamacca, Frattesi, Bastoni, Locatelli, e questo è il momento di gratificare il lavoro di tante persone che stanno dietro, in primis il nostro direttore Maurizio Viscidi e poi tutti gli staff, dall’Under 15 in su. Sono persone che hanno consentito a molti di questi ragazzi di fare un percorso di 50-60, a volte 90 presenze internazionali, di avere un bagaglio di esperienza.

Nazionale Italiana
Nazionale Italiana

Parlando del ricambio generazionale: “Il biennio è partito con Tonali, Ricci, Rovella e Salvatore Esposito, ci è rimasto solo Rovella, che con Miretti, Bove e Ranocchia è quello con più esperienza ma non gioca dalla partita nostra con la Bosnia, a marzo. Questa emergenza ci preoccupa un po’ ma tutti faranno del proprio meglio, magari non tutti sono pronti ma le qualità ci sono.

Conclude così il tecnico dell’U21: “Lavoriamo di sistema, Gnonto doveva venire con noi a marzo ma serviva all’Under 19 che aveva un turno importante, come Scalvini che era già stato con noi a novembre, non l’ho più chiamato non perché non mi piacesse ma perché pure lui serviva all’Under 19. Lavoriamo di sistema come Club Italia ed è una strategia che condivido.”

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 05-06-2022


Juventus, Pellegrini: “Ci sono molte più pressioni, c’è poco tempo”

Chiellini: “Trattenuta su Saka? L’emblema di tutto l’Europeo”