L’ex tecnico Arrigo Sacchi ha commentato la gara persa dai nerazzurri contro il Lens.

Arrigo Sacchi non risparmia critiche a Simone Inzaghi nel corso di un’intervista alla Gazzetta dello Sport. “Lasciamo stare il risultato, che adesso conta poco. Io ho visto una squadra schierata con il 5-3-2 e quasi sempre così si regala un uomo, se non addirittura due, agli avversari. In questo modo è impossibile fare pressing e si costringono i centrocampisti al doppio lavoro. L’Inter è una formazione molto muscolare, ha giocatori pesanti che fanno più fatica a entrare in forma”.

Anche in questo caso, per giudicare, si dovrebbero conoscere le tabelle di lavoro, e soltanto Simone Inzaghi e i suoi collaboratori sanno a che punto è la squadra. Queste partite internazionali, però, servono per capire quale direzione si deve prendere. Ricordo che con il Milan, dopo lo scudetto, affrontammo Manchester United, Real Madrid, Arsenal, Tottenham, Bayern Monaco e Psv Eindhoven. Sfide utili per vedere a che livello eravamo, dopo aver conquistato lo scudetto in Italia, e anche per far capire ai miei giocatori che potevamo giocarcela contro chiunque in Europa”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 25-07-2022


Carnevali: “Vrsaljko e Sensi potevano fare di più”

Juventus, Pellegrini: “C’è sempre spazio per migliorare”