Il tecnico della Roma Josè Mourinho pizzica l’atteggiamento di più di qualche suo giocatore avuto ieri nella gara con l’Udinese.

Josè Mourinho indica le difficoltà anche mentali di preparare due gare in pochi giorni; ecco le sue riflessioni ai microfoni di DAZN. “Ho capito che non avevo sbagliato nella mia analisi e penso che siamo entrati nel gioco con i cambi, con l’energia. Ho visto da qualche giocatore una difficoltà a entrare nella partita. Anche Foti ha notato la difficoltà che esiste contro una squadra che ha preparato la partita in una sola settimana. Partita difficile, se facevamo gol prima avremmo avuto più tempo, però purtroppo è stato alla fine. Sono 8 partite in Serie A senza sconfitte, con 4 pareggi”.

IM_pallone_serie_A_2020
IM_pallone_serie_A_2020

Un punto a Udine, un punto a Sassuolo ma quando segniamo all’ultimo non è una sconfitta. Basta guardare l’atteggiamento dei giocatori e capisci subito. Oggi erano soltanto due giocatori con la giusta intensità. Loro sono davvero forti in questa gestione del tempo del gioco. Abbiamo avuto più possesso palla ma senza intensità, era una partita contro una squadra al massimo delle sue intensità. Ho parlato con i giocatori diverse volte, non possiamo scegliere le partite: giovedì sarà importante, poi lo sarà domenica. Dobbiamo avere la forza mentale e migliorare in questo aspetto. Non è facile giocare il giovedì e poi la domenica. Dobbiamo avere uno spirito diverso, anche io sono un po’ stanco però quella la sento dopo, ma oggi qualche giocatore la stanchezza l’ha sentita durante la partita e questo non mi è piaciuto”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 14-03-2022


Spalletti: “La gara col Milan ha fatto crollare tutto, ma possiamo inserirci nella lotta Scudetto”

Tudor: “Il rosso a Ceccherini è inesistente, senza potevamo rimontare”