Carlo Nesti, giornalista, ha parlato della sfida persa dall’Argentina contro l’Arabia Saudita. Ecco le dichiarazioni

Carlo Nesti, giornalista, ha parlato della sfida persa dall’Argentina contro l’Arabia Saudita.

PAROLE – «L’Arabia Saudita è il secondo Stato al mondo per riserve di petrolio, dopo il Venezuela. Per una volta, l’oro nero del paese è rappresentato da un manipolo di ragazzi, che sono riusciti nel miracolo di battere l’Argentina (36 risultati utili). Lo hanno fatto con lo stoicismo di una crociata, impavidi e intrepidi. Il furore dell’impresa è espresso dalla superiorità agonistica e atletica, senza risparmiare botte da orbi, che avrebbero legittimato almeno un cartellino rosso, invece di 6 gialli. Il gioiello è costituito da un secondo gol, tanto bello da far invidia a Messi: l’esecuzione a giro di Saleh Al Shehri. Troppo molle l’Argentina, imprevedibilmente senza “garra”, per far valere la caratura tecnica. Non sono bastate le reti annullate a raffica, e gli assist di Di Maria, per forzare le tante serrature, davanti alla porta saudita. Una lezione di feroce umiltà, che nessuno si aspettava».

L’articolo Nesti: «Argentina Una lezione di feroce umiltà, che nessuno si aspettava» proviene da Calcio News 24.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

feed

ultimo aggiornamento: 22-11-2022


Il Ministro Tajani scherza a Belgrado: «Aiutateci a convincere Milinkovic-Savic a venire alla Juve»

Serbia, Milenkovic: «Il Brasile ha grandi giocatori in tutte le posizioni»