Ora è il mio tempo di allontanarsi. E il tempo di scoprire me stesso lontano dal calcio. E’ l’una a Londra quando scrivo questo e non potrei essere più felice per la mia decisione. La vita è così piena di cose incredibili.

Con queste parole scritte sul suo blog Robbie Rogers, 25enne centrocampista americano, aveva annunciato lo scorso febbraio l’addio al calcio dopo aver svelato la sua omosessualità. Una scelta che fece scalpore e che riportò in primo piano il tema del rapporto tra gay e mondo del calcio.

Oggi però qualcosa è cambiato. L’ex calciatore della nazionale a stelle e strisce ha firmato con i Los Angeles Galaxy, il club che fino a qualche mese fa ha ospitato David Beckham, tornando così sulla decisione assunta dopo il coming out.

L’esordio con la maglia della squadra più importante della MLS, è avvenuto ieri nella gara di campionato contro i Seattle Sounders vinta 4-0 con tripletta di Robbie Keane. Rogers è entrato al 77′ ed è stato accolto dagli applausi del pubblico che ha ricambiato con un sorriso smagliante (come potete vedere nel video di apertura del post). Di fatto è il primo calciatore dichiaratamente gay a giocare una partita in MLS.

Il 26enne ha commentato a caldo così:

Capisco che questa sia una cosa storica, ma per me era solo una partita di calcio.

Su Twitter ha ribadito le emozioni definendo indimenticabile quanto avvenuto:

Rogers, che a proposito di quel post scritto sul blog a febbraio, ha detto di non sapere “perché mi preoccupavo così tanto”, ha spiegato di voler “aiutare la gente e essere un modello da seguire”. Quindi ha confessato che ieri, prima dell’inizio della gara, ha provato fortissime emozioni al punto da dover telefonare alla sorella maggiore
Alicia per distrarsi parlando di cani.
Foto via Instagram

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

calcio estero notizie personaggi tutto il calcio estero

ultimo aggiornamento: 27-05-2013


Rassegna stampa 27 maggio 2013: prime pagine di Gazzetta, Corriere e Tuttosport

Roma, Osvaldo risponde a Andreazzoli: “Incapace, vai a festeggiare con i laziali”