Claudio Lotito non se la passa per niente bene. Con la Lazio sconfitta sul campo dell’Atalanta per 2-1 e le dimissioni respinte di Vladimir Petkovic, pare in attesa dell’individuazione dell’ideale sostituto, sono solo una delle grane da fronteggiare per il patron biancoceleste. Non dimentichiamo, infatti, che Lotito è anche il presidente della Salernitana, squadra che attualmente milita nel campionato di Lega Pro (ex C1) girone B. Fin qui i campani hanno avuto un cammino tutt’altro che esaltante e l’ultimo pareggio casalingo, 1-1 contro il Viareggio, ha ulteriormente indispettito tifosi e ambiente, che sognavano un veloce risalita in serie B.

Attorno alla squadra c’è molto nervosismo e anche Claudio Lotito non è riuscito a mantenere i nervi saldi al termine della gara. Così, raggiunto dalla giornalista Francesca De Simone, dell’emittente televisiva Lira Tv, il patron ha impiegato poco per sbottare e dare dell’incompetente alla signora che lo incalzava con una serie di domande sulle prestazioni deludenti della Salernitana. La De Simone ha chiesto a Lotito quali fossero secondo lui i motivi tecnici dell’andamento deludente della squadra, ma il patron non ha retto:

“La Salernitana ha mantenuto sempre il pallino del gioco. Lei sta entrando nel tecnico… Lei confonde il pallone col calcio. Lei deve fare un’analisi tecnica, ma siccome lei di calcio non ci capisce niente…” , ha dichiarato un alterato Lotito prima di scappare via negli spogliatoi.

Una vera e propria sbroccata che si è conclusa con un ritorno di Lotito prima dell’addio definitivo alle telecamere:

“Se proprio ci tenete, compratevelo voi il club”. Sono bastati pochi minuti per scatenare il putiferio, prima in studio, poi presso l’Ordine dei Giornalisti della Campania. Il presidente dell’ODG, Ottavio Lucarelli, in una nota stampa “stigmatizza quanto accaduto”, sostenendo che Lotito (tra l’altro anch’egli giornalista), ha reagito “in modo scomposto offendendo la collega De Simone”. Poi, lo stesso Lucarelli, ci mette il carico:

“Lotito purtroppo, non è nuovo a questi episodi, ancora più sgradevoli quando avvengono nei confronti di una collega. Nessun ruolo, proprietario o dirigenziale – conclude – può giustificare questi gravi atteggiamenti che l’Ordine ha sempre censurato con forza”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


Milan – Barcellona, Allegri: “Faremo bella figura”

Juventus, Marotta: “Buffon è stato ed è ancora il migliore portiere del mondo”