[iframe width=”620″ height=”350″ src=”http://video.gazzetta.it/video-embed/a9a58f7e-7bd2-11e4-b79c-aab4f8d62056″ frameborder=”no”]

Spassoso scherzo organizzato da Stefano Okaka, su iniziativa de La Gazzetta dello Sport, nei confronti di Sinisa Mihajlovic. Nella rubrica video del sito del quotidiano sportivo, il vice direttore Andrea di Caro ha convinto l’attaccante della Sampdoria ha telefonato al mister per avvisarlo che a causa dell’imprevisto matrimonio del fratello, il giorno dopo non avrebbe presenziato all’allenamento. L’allenatore serbo, ignaro di tutto, non ha preso benissimo la notizia. Vi riportiamo di seguito la trascrizione del botta e risposta.

– “Mister, ti volevo dire che domani non posso venire all’allenamento”.

– “Non puoi venire dove? Ma che caxxo stai dicendo? Perché non puoi venire all’allenamento? Tuo fratello si sposa? Ma che caxxo stai dicendo? Che caxxo ti sei inventato? Domani alle tre… alle due stai in allenamento, se no ti faccio un cul0 grosso come una casa. Che caxxo c’hai in testa?”

– “Ma mister, è stato un inconveniente…”

– “Inconveniente un caxxo! Non me ne frega un caxxo! Quale inconveniente! Fallo sposare un altro giorno! Chi caxxo si sposa di martedì!”

– “Ma quello è rincogli0nito, si sposa martedì (ride, Ndr)”

– “Che caxxo ridi? Non scherzare con me, eh. Già sono incaxxato ieri dalla partita, non fare ancora caxxate con me”.

Alla fine il giornalista ha svelato a Miha lo scherzo, evidentemente ancora arrabbiato per il pareggio in extremis subito dai suoi nel posticipo di lunedì scorso contro il Napoli.

Il tecnico in chiusura di telefonata ha ironicamente minacciato il suo calciatore (“domani in allenamento gli faccio un cul0, vedrai…”), che è apparso molto divertito dalla sua accesa reazione.

Lo scherzo, per quanto innocente, ha messo in luce la già famosa grinta dell’ex giocatore di Sampdoria, Lazio e Inter e il rapporto decisamente franco con il suo campioncino 25enne.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

Sampdoria

ultimo aggiornamento: 05-12-2014


Calciomercato Milan: subito Brozovic o Baselli

San Siro più moderno: spettatori vicini al campo