Queste le parole di Walter Zenga, intervistato alla Gazzetta dello Sport parla così dell’Inter e dei singoli giocatori.

Ecco le parole di Walter Zenga, allenatore intervistato alla Gazzetta dello Sport ed ex portiere dell’Inter, parla così: “Sarei felice perché è tornato Lukaku, un attaccante che sposta gli equilibri di squadra e un po’ “sposterà” anche il modo di giocare dell’Inter. Perché ci siamo (dice proprio così, vecchio cuore nerazzurro) rinforzati con due giocatori di qualità, ma prospettive opposte: Asllani è il futuro, Mkhitaryan va verso il fine carriera ma può dare un respiro importante a tutti gli altri centrocampisti.

Robin Gosens

Su Gosens: “Uno: Gosens è ancora un’incognita e Perisic era uno da 50 partite all’anno. Due: Dimarco è un quinto, non un terzo. Poi si può adattare come Darmian o D’Ambrosio, ma Inzaghi ha solo tre centrali di ruolo: gli altri sono arrangiamenti.

Conclude su Onana: “Reattivamente, elasticamente e anche scenograficamente forte, ma ha giocato poco negli ultimi due campionati, e in partite dominate, dove subiva pochissimo. Il paragone con Maignan non sta in piedi: il milanista era stato campione di Francia, Onana avrà il suo spazio, ma è un inserimento di prospettiva.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

Inter

ultimo aggiornamento: 03-08-2022


Donadoni: “L’Inter, nella storia, è sempre stata una squadra molto fisica”

Milan, De Ketelaere: “Alexis mi ha spiegato che tipo di club è il Milan”