Siena, Iachini avvisa i suoi: “Attenti a non sottovalutare il Pescara”

Parla l’allenatore del Siena alla vigilia della delicata sfida salvezza in casa del Pescara.

Se le posizioni alte della classifica ormai hanno poco da dire, con la Juventus ormai vicina al titolo e Napoli e Milan che sembrano aver messo una pesante ipoteca sugli altri due posti che valgono la Champions League, la zona retrocessione è più che mai in fermento e a sette giornate dalla fine tutto può ancora succedere. La 32esima giornata di Serie A si apre con un anticipo che potrebbe essere molto importante in chiave salvezza, il Siena va a fare visita al Pescara ultimo in classifica, gli abruzzesi sono forse l’unica squadra che ormai ha poco da chiedere a questa stagione, anche se la matematica ancora non li condanna.

Nonostante ciò domenica scorsa a Torino hanno dimostrato di voler onorare il torneo fino alla fine e negli ultimi minuti hanno messo paura ai campioni d’Italia. Iachini deve aver seguito con particolare attenzione la partita e forse proprio per questo sembra non fidarsi troppo della banda di Bucchi e predica verso i suoi giocatori la massima attenzione e concentrazione:

È la partita più difficile che poteva capitarci, basta vedere come hanno fatto soffrire la Juventus. Sanno stare bene in campo, hanno individualità ed esperienza, dovremo interpretare la partita con grande organizzazione e rispetto dell’avversario.

I bianconeri toscani sanno di trovarsi nella fase cruciale della stagione, dopo una lunga rincorsa per la prima volta quest’anno hanno raggiunto il quartultimo posto, anche se grazie alla classifica avulsa, e fermarsi ora sarebbe un errore enorme. L’allenatore della Robur sa che non sarà facile anche perché la salvezza se la dovrà giocare con due squadre come Genoa e Palermo che, almeno sulla carta, sembrano avere qualcosa in più rispetto al suo Siena. Bisogna quindi dare il massimo, cosa che a suo modo di vedere già sta succedendo, provando magari ad essere un po’ più cinici in area di rigore:

Per quanto riguarda le prestazioni stiamo facendo il massimo delle nostre potenzialità. Dobbiamo però riuscire a essere più concreti e incisivi sotto porta, nelle occasioni e situazioni da gol che anche con il Parma siamo riusciti a creare senza sfruttare (ndr. I toscani sono rimasti a secco nelle ultime due uscite casalinghe contro Cagliari e Parma). Non abbiamo ancora fatto niente, restano sette partite alla fine e dobbiamo giocare gara per gara. Per noi c’è solo la consapevolezza che lottiamo alla pari con squadre come Genoa e Palermo che non credevamo di trovare in questa posizione di classifica.

Poi Iachini viene interpellato sulla questione arbitrale, sulle tante polemiche scatenate dai recenti errori, il tecnico ex Samp però come al suo solito preferisce evitare l’argomento limitandosi a dire di credere nell’assoluta buona fede dei direttori di gara. Ora nei suoi pensieri c’è solo il Pescara e i tre punti da conquistare assolutamente all’Adriatico, per potersi poi godere la domenica di partite con le dirette rivali per la salvezza, Palermo e Genoa, i siciliani aspettano il Bologna a ora di pranzo, i liguri saranno impegnati nell’infuocato derby della Lanterna contro la Sampdoria.

I Video di Calcioblog