Vieri: “Tifo Juventus, sono bianconero dentro”

Nonostante abbia giocato in una dozzina di squadre, Vieri rivela di aver ‘amato’ solo la Juve

“Tifo per la Juventus. Sono bianconero dentro. Amen, l’ho detto”. Christian Vieri, per gli amici Bobo, rivela la sua fede calcistica nel corso di una lunga intervista al settimanale ‘Chi’, domani in edicola. Da autentico giramondo della panchina, dal neo quarantenne ci si sarebbe aspettata un po’ più di diplomazia, ma al cuor non si comanda e il cuore di Vieri è bianconero. Da sempre. Dopo essere cresciuto nelle giovanili di Prato e Torino, vieri esordì nella prima squadra del Toro nella stagione 1991-92, poi esperienze di un anno in Pisa, Ravenna, Venezia e Atalanta, prima della chiamata della sua dama, la Vecchia Signora. Luciano Moggi lo acquista nell’estate del ’96 per 7,3 miliardi di vecchie lire, consentendogli di mettere in bacheca uno scudetto, la Coppa Intercontinentale e di disputare la finale di Champions League contro il Borussia Dortmund.

Nel corso del mercato estivo del 1997 la Juve riceve un’offerta di 34 miliardi di lire dall’Atletico Madrid: Moggi giura all’avvocato che Vieri è incedibile, mentre nelle stesse ore lo cedeva agli spagnoli. Un trasferimento record, che consentirà a Bobo di guadagnare una cifra stratosferica in Spagna rispetto a quanto percepito alla Juventus. Nonostante l’addio, però, sin dai primi giorni dell’esperienza spagnola Vieri ribadisce un concetto: “forza Juve, sempre”, dichiara nel corso di un’intervista alle tv di tutto il Mondo subito dopo la presentazione. Con l’Atletico segnerà 24 gol in 24 partite, prima di tornare alla Lazio e passare poi all’Inter nell’estate del 1999. La parentesi in nerazzurro è la più lunga della sua carriera, non per questo Vieri si innamora dell’Inter, anzi, denuncia lo spionaggio ai suo danni da parte del club, che lo deve risarcire con un 1 milioni di euro di danni.

La carriera col passare degli anni e gli infortuni non gli riserva molte soddisfazioni, né al Milan (2005-2006) né con le successive maglie di Monaco, Sampdoria (0 presenze e rescissione immediata) e Atalanta. Nel 2007 buona la parentesi viola, dove dovrà subire il tradizionale bagno “purificatore” per chiunque arrivi alla Fiorentina con un passato alla Juventus. Chiuderà con 26 presenze e 6 gol, prima di tornare all’Atalanta nell’estate 2008 e chiudere la carriera con i bergamaschi. Un lungo peregrinare, nel quale Vieri ha mantenuto fede all’amore per la Juventus e che ha ribadito ora nell’intervista a ‘Chi’.

L’altro grande amore di Bobo, oltre alla Juventus, è stato quello per Elisabetta Canalis l’unica che “ho amato da morire […] Lo posso dire. Lei è stato il grande amore della mia vita – ha aggiunto l’ex attaccante di Juventus, Inter e Lazio – L’unica che merita di essere citata. Non ho rimorsi nei suoi confronti. Siamo rimasti amici”.