Napoli, Goran Pandev truffato: il giocatore pagava viaggi a sua insaputa

Il calciatore sarebbe stato raggirato da un’agenzia di viaggi.

Il calciatore del Napoli e nazionale macedone, Goran Pandev, è stato coinvolto in una truffa ai suoi danni alla quale sta indagando la Procura della Repubblica di Roma. Il giocatore partenopeo, infatti, ha pagato una serie di viaggi per il valore complessivo di circa 6 mila euro, praticamente a sua insaputa, con la sua carta di credito utilizzata da altre persone.

Tutto ciò è accaduto durante il periodo di tempo nel quale Pandev ha vestito la maglia della Lazio, ossia dalla stagione 2004 fino al 2009: nel corso dei suoi anni di carriera trascorsi a Roma, infatti, Pandev decise di affidare l’organizzazione dei suoi spostamenti alla stessa agenzia di viaggi che si occupa anche di curare le trasferte di alcune squadre di calcio.

La banca si rese conto che qualcosa iniziò a non quadrare nel conto di Goran Pandev e nei movimenti di denaro, di conseguenza, decise di informare il giocatore riguardo un ammanco di soldi dovuto a questa serie di strani acquisti. Dopo essere stato informato dei fatti, il giocatore 30enne ha constatato di essere stato vittima di un raggiro e ha quindi proceduto con la denuncia alle autorità competenti.

In poche parole, Pandev ha involontariamente finanziato una serie di viaggi verso città come Parigi, Milano, Francoforte, Amsterdam e Glasgow. In alcune occasioni, anche calciatori di altre squadre, incluse le loro famiglie, avrebbero goduto di questi biglietti aerei e ferroviari, pagati grazie al codice della carta di credito di Pandev che l’agenzia evidentemente conosceva bene e di cui il valore ammonterebbe precisamente a 6.300 euro circa.

La notizia di questa disavventura di Goran Pandev è stata pubblicata da Il Messaggero. Questa indagine, di cui si sta occupando il sostituto procuratore Giorgio Orano, è soltanto nella fase preliminare e per ora soltanto una donna risulta iscritta nel registro degli indagati.

Foto | © Getty Images