Nainggolan litiga con la moglie: intervengono i carabinieri, il giocatore si difende

L’episodio sarebbe accaduto nel pomeriggio di domenica a Cagliari: rischio denuncia per Nainnoglan che su Twitter dichiara di non aver “mai messo le mani addosso”

Radja Nainggolan avrebbe litigato con la moglie e ora rischia una denuncia per maltrattamenti. Il centrocampista della Roma, ex Cagliari, ieri ha trascorso la domenica in famiglia nel capoluogo sardo e intorno alle 17.00 sarebbe stato protagonista di un episodio negativo tra le mura domestiche: presso l’abitazione di Nainggolan, sarebbero addirittura intervenuti i carabinieri in seguito ad una segnalazione di un pesante litigio. Le prime ricostruzioni sostengono che la moglie del nazionale belga sia stata trovata visibilmente scossa, con escoriazioni e lesioni, versione che il calciatore ha negato seccamente tramite il proprio account Twitter: “non ho mai alzato le mani”.

Tra Nainggolan e la moglie, Claudia Lai, 32 anni, ci sarebbe stato un litigio scatenato probabilmente dalla gelosia: mentre la figlia di due anni si trovava sull’automobile in sosta, la coppia avrebbe dapprima iniziato a litigare, poi il calciatore avrebbe colpito la donna causandole ferite tali da richiedere il ricovero in ospedale e  20 giorni di prognosi. Al momento, però, non sembra che la signora Lai sia intenzionata a sporgere denuncia nei confronti del marito, che tramite i social network si è difeso in modo molto colorito:

Solo per litigio! Non ho assolutamente messo le mani addosso!!! Ma scherziamo… ? Voglio dire una cosa a tutti!!! Dovete fare i c… proprio… Problemi in famiglia esistono… Ma mani addosso no!!.

I carabinieri intervenuti sul luogo della lite, intanto, starebbero indagando per ricostruire la vicenda in tutte le sue sfaccettature e risalire ad eventuali precedenti dissapori tra marito e moglie. La versione dei fatti del comandante dei carabinieri della Compagnia di Cagliari, capitano Paolo Floris, è in effetti molto distante da quella data da Radja Nainggolan:

Quando i militari sono arrivati la giovane era chiusa in auto e piangeva disperata – le parole del militare a ‘La Stampa’ – Il calciatore era nei paraggi, piuttosto nervoso, ma l’episodio era già avvenuto. La ragazza – continua – ci ha riferito di essere stata picchiata dal marito e per questo è stata accompagnata subito al pronto soccorso. All’aggressione, secondo il racconto della donna, avrebbe assistito anche la figlia dei due ma quando la nostra pattuglia è giunta sul posto la piccola non era presente, forse era già stata allontanata.

Plausibile pensare che la lite tra Nainggolan e la moglie sia degenerata, ma che in seguito alla burrasca il calciatore abbia chiesto scusa. Da qui la decisione della donna di non sporgere denuncia.