Il Cska Mosca si laurea campione di Russia | Video e Foto

Zenit San Pietroburgo beffato

di antonio

[iframe width=”620″ height=”350″ src=”//rutube.ru/video/embed/6978207″ frameborder=”0″]

Il Cska di Mosca ha vinto il campionato russo per la seconda volta consecutiva. Con un gol segnato da Tosic il club della capitale ha vinto il derby contro la Lokomotiv ed ha mantenuto la testa della classifica, davanti allo Zenit San Pietroburgo di Villas Boas. Fatale, per questi ultimi, l’incredibile sconfitta casalinga contro la Dinamo Mosca, nella penultima giornata, caratterizzata dalla violenta invasione di campo in cui un tifoso ha pensato di ravvivare il finale con un pugno in pieno volto al capitano dei moscoviti, il difensore Vladimir Granat.

[iframe width=”620″ height=”350″ src=”//rutube.ru/video/embed/6978174″ frameborder=”0″]

Il Cska Mosca conquista il 12esimo titolo della sua storia chiudendo il campionato a 64 punti, uno in più della ex squadra di Luciano Spalletti, a cui non è bastato il 4-1 sul Kuban. Nel frattempo la federcalcio russa ha squalificato per due turni il campo dello Zenit e condannato la squadra alla sconfitta per 3-0 a tavolino a causa dell’invasione di campo che i tifosi hanno posto in essere in occasione dell’ultimo match casalingo (perso anche sul campo per 4-2 contro la Dinamo Mosca).

Il Cska Mosca si laurea campione di Russia | Foto

Ma in virtù di alcuna penalizzazione comminata lo Zenit ha potuto giocarsi la chance all’ultima giornata. Troppo tardi, perché il Cska, dopo il sorpasso nel finale di campionato, non ha fallito il match point al trentesimo e ultimo turno di Prem’er-Liga. Beffa anche per Domenico Criscito che, dopo la delusione per la mancata convocazione in Nazionale per il mondiale brasiliano, dovrà digerire anche la rabbia per un titolo che sembrava ampiamente alla portata dello Zenit San Pietroburgo.