Malmoe-Juventus, i giornali svedesi: “scandalo”

Gli svedesi attaccano l’arbitro di Malmoe-Juventus: “irregolare il secondo gol, tutta la partita condizionata”

Il Malmoe non ci sta e all’indomani della sconfitta rimediata tra le mura amiche contro la Juventus, la stampa svedese si scatena contro l’arbitro Proença, reo secondo loro di averli pesantemente danneggiati, soprattutto convalidando il secondo gol, quello siglato da Carlitos Tevez al termine di un’azione che il Malmoe ritiene viziata da un fallo di Alvaro Morata. Dalle immagini il contatto non sembra essere particolarmente vistoso, ma le proteste degli azzurri di Svezia sono state veementi ed hanno portato persino ad un’espulsione. Nel post partita di Malmoe-Juventus, il più agguerrito è il tecnico di casa, Age Hareide, che parlando dell’arbitro portoghese non usa messi termini:

“C’era un fallo contro Johasson e da lì è nato il secondo goal della Juventus. E’ uno scandalo terribile, anche il fatto che ci abbiano ammoniti ed espulsi per proteste che non sono state assolutamente aggressive. E’ un peccato, l’arbitro ha deciso la partita. Non ci ha rispettati mai e così i nostri tifosi che hanno assistito a un’ingiustizia”.

Insomma, il Malmoe recrimina per il secondo gol della Juve, ma contesta la conduzione generale dell’arbitro, che a detta loro avrebbe avuto due pesi e due misure:

“Mi dispiace molto, anche per l’atteggiamento generale che ha avuto con noi – aggiunge Hareide – Oltretutto non era possibile confrontarsi bene con Proença perché non parla bene inglese”.

In verità, se andiamo a vedere bene l’atteggiamento generale del direttore di gara, lo stesso che lo scorso anno arbitrò Galatasaray-Juventus, soprattutto nella prima frazione di gioco ha consentito di tutto e di più ai padroni di casa. Diversi sono stati i falli tattici e le trattenute vistose che hanno fermato ripartenze bianconere e che da regolamento avrebbero richiesto il cartellino giallo, ma Proença ha sempre avuto un approccio “morbido”, quasi volesse evitare i cartellino. Il primo giallo arriva addirittura a metà ripresa ed è Pereyra a guadagnarselo dopo un fallo tattico come se ne erano visti diversi nel primo tempo da parte degli svedesi.

Dopo un primo tempo in chiaroscuro, nella ripresa non c’è stata quasi partita e alla fine il riassunto della gara ha contato 16 occasioni per la Vecchia Signora, di cui 11 nello specchio. Non sufficienti, secondo la stampa svedese per giustificare la vittoria per 2-0 dei bianconeri. Il principale quotidiano locale ‘Aftonbladet’, apre infatti la home page del proprio sito con il titolo: “Scandalo”. La Juve saluta la Svezia e pensa già all’Atletico Madrid.

I Video di Calcioblog