Juventus-Torino le pagelle: Pirlo e le nozze d’argento

Andrea Pirlo regala alla Juventus i tre punti contro il Torino. Bianconeri non belli.

A tre secondi dalla fine, Andrea Pirlo tenta la conclusione impossibile dalla distanza. E azzecca il jolly del 2-1, che regala alla Juventus l’incredibile 2-1 nel derby contro il Torino. Incredibile perché i bianconeri erano in 10 dal 32′ del secondo tempo e avevano rischiato di perdere. E invece, con la stracittadina, sono 25 i successi in casa consecutivi degli uomini di Max Allegri.

Vediamo le pagelle dello Juventus Stadium, mentre scorrono i titoli di coda con Bonucci in mutande e migliaia di bandiere bianconere che sventolano sotto il diluvio.

STORARI 6: Disoccupato, deve raccogliere dal sacco il gol di Bruno Peres. Poi corre un paio di brividi, senza tuttavia toccare praticamente mai il pallone.

LICHTSTEINER 5: Nel primo tempo è una fotocopia sbiaditissima del giocatore visto finora. Nella ripresa, prende un brutto colpo sopra al naso e poi si fa espellere per doppia ammonizione. Serataccia.

BONUCCI 6: Forse sbaglia a non uscire sull’incursione di Peres. Poi, soffre un po’ contro Amauri e Quagliarella. Prova la botta dalla distanza, tipo gol contro la Roma, ma trova i guanti di Gillet.

CHIELLINI 7: Un voto in più rispetto a Bonny perché dà letteralmente la scossa con un intervento in scivolata. E’ sempre l’anima bianconera.

EVRA 6: Spinge tanto. Forse troppo, se è vero che Peres lo semina facilmente nell’azione dell’1-1. Però, si fa trovare praticamente sempre dai compagni.

OGBONNA s.v.: Entra per tappare il buco lasciato da Lichtsteiner. Ben tornato.

MARCHISIO 6: Meno brillante che in precedenti occasioni. Non riesce a sfondare centralmente e neanche a lanciare i compagni.

PIRLO 7: Sarebbe praticamente da cinque fino a quel pallone tirato in porta con una precisione chirurgica e una forza che non gli riconoscevamo. Poco prima, aveva sparacchiato fuori.

POGBA 6: Poco brillante anche Paul, ma conquista la punizione da scaturisce poi il rigore.

PEREYRA 6.5: Entra per fare il trequartista, si ritrova terzino destro, poi esterno alto. Conquista calci d’angolo e tiene botta nel concitato finale.

VIDAL 7. E’ vero: non è ancora Arturo il guerriero. Ma è lui a trasformare con freddezza due volte il rigore del vantaggio e ad affidare a Pirlo il pallone del 2-1.

TEVEZ 5: Incappa in una serata storta proprio contro quel Toro che aveva matato l’anno scorso. Capita.

LLORENTE 5.5: Si batte, fa le sponde, partecipa alla manovra. Ma non incide e non ha occasioni.

MORATA 5.5: Poco da segnalare nel pezzo di partita che gli concede Allegri.

ALLEGRI 6: Diciamo la verità, la vittoria è merito dei singoli oggi. La Juve, dopo l’1-1, si spegne infatti. Ventura tatticamente lo imbriglia ottimamente fino all’ultimo.

TORINO: Gillet 6, Maksimovic 6.5, Glik 6.5, Moretti 6; Peres 7.5, Vives 5.5, Gazzi 6, El Kaddouri 6, Darmian 6.5; Amauri 6.5, Quagliarella 6, Larrondo 5.5, Benassi 6. All.: Ventura 6.5.