Argentina: spari durante Arsenal-Aldosivi, il video

Gravi incidenti in Argentina, durante il match tra Arsenal e Aldosivi. Spari, un agente ferito gravemente, partita sospesa.

Violenza cieca ieri in Argentina durante la partita tra l'Arsenal e l'Aldosivi. A scontrarsi bande rivali della barrabrava locale, nei pressi dell'impianto intitolato a Julio Grondona. Alla mezzora, l'arbitro è stato costretto a sospendere il match perché non c'erano più le condizioni minime di sicurezza per andare avanti.

In strada si era scatenata la guerriglia con la polizia, ma anche sugli spalti la situazione era al limite e il pubblico scappava. Sono state tirate fuori pure le pistole, mentre le forze dell'ordine tentavano con i lacrimogeni di disperdere i facinorosi. Una persona è rimasta ferita in modo grave. Solo un mese fa, sempre in Argentina, c'erano state violenze a margine di Laferrere-Dock Sud, con la squadra ospite costretta a barricarsi negli spogliatoi per due ore. Intorno allo stadio, una ventina di feriti tra le forze dell'ordine.

Ieri, si trattava di una partita di prima divisione nei sobborghi di Buenos Aires. I primi incidenti sono scoppiati fuori dallo stadio, a causa di un regolamento di conti tra tifosi dell'Arsenal appartenenti a bande diverse. Quando è intervenuta la polizia, la situazione è degenerata. Devastazioni in strada, disordini sugli spalti e le tribune. L'arbitro Ariel Penel è stato obbligato a decretare la sospensione della partita.

"E' stata una decisione inevitabile, dopo un consulto con le forze dell'ordine". Queste le parole del direttore di gara ai capitani delle due squadre. Le strade di Sarandì, poco dopo la rete ospite di Lagos, erano ormai un Far West. Rumore di spari e caccia all'uomo. Due vetture della polizia sono state fatte letteralmente a pezzi. Un agente della polizia è rimasto ferito gravemente.

Nonostante tutta questa devastazione, l'allenatore dell'Aldosivi, Fernando Quiroz, ha trovato il modo di polemizzare: "Incomprensibile la decisione di sospendere una partita in cui c'erano più agenti che tifosi". Effettivamente, è stato soprattutto in strada che si è scatenato l'inferno.

Incidenti Argentina

  • shares
  • Mail