Conte-Chelsea: c’è l’intesa di massima

Antonio Conte e il Chelsea avrebbero già raggiunto un’intesa di massima: lo scrive oggi la ‘Gazzetta dello Sport’, secondo cui però non è da escludere un ritorno in auge di Diego Simeone, tecnico argentino che ha un lungo contratto con l’Atletico Madrid. Potremmo comunque dire che allo stato attuale delle cose è proprio il commissario tecnico della nazionale italiana il favorito per sedersi sulla panchina del club londinese a partire dalla prossima stagione.

È ormai chiaro da tempo, infatti, che Conte non abbia alcuna intenzione di prolungare il contratto con la federcalcio: dopo gli europei di Francia, le parti si saluteranno cordialmente, poiché l’ex tecnico della Juventus ha voglia di tornare su una panchina di club e respirare il profumo dell’erbetta quotidianamente. Questo anno e mezzo alla guida dell’Italia è stato pesante soprattutto a livello psicologico e mediatico per il leccese, che ha già deciso dunque di cambiare aria. Nelle ultime ore si sarebbero intensificati proprio i contatti con il club di Roman Abramovich e pare addirittura che l’annuncio ufficiale possa arrivare già a marzo, molto prima della scadenza del contratto di Conte con la Figc.

Antonio Conte

Il presidente federale Carlo Tavecchio gli avrebbe comunque proposto un prolungamento fino al 2018, quando si giocheranno i campionati Mondiali di Russia, ma c’era la consapevolezza del fatto che fosse un tentativo quasi disperato. Il fascino di una squadra come il Chelsea, che dispone già di un organico forte ma soprattutto di ingenti risorse da immettere sul mercato, ha convinto Antonio Conte ad accettare la sfida inglese. La lingua la sta studiando da tempo, la Premier League la conosce ormai molto bene: da luglio partirà molto probabilmente una nuova avventura con l’obiettivo di riportare il Chelsea ai fasti del recente passato. Un’impresa già riuscitagli con la Juventus.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail