Parla l’amministratore delegato del Milan, Ivan Gazidis ai microfoni di The Athletic. Ecco le parole su RedBird.

Ivan Gazidis, amministratore delegato del Milan, ai microfoni di The Athletic parla così delle voci che vogliono che la nuova società di RedBird voglia cambiare radicalmente i rossoneri: “Nuova proprietà? Le persone interessate al club sono interessate per quello che è stato fatto. Non è un club in cui qualcuno arriverà e dirà: ‘Sentite, abbiamo bisogno di un cambiamento radicale di direzione’. Francamente, sarebbe una follia”.

Aggiunge l’amministratore: “Questi giganteschi club non sono piccoli motoscafi o moto d’acqua che si possono girare in un attimo. Sono superpetroliere che possono rimanere bloccate nel Canale di Suez. Il Manchester United, per esempio, assomiglia in modo inquietante all’Ever Given. C’è l’analogia di una gara di yacht mentre sfoglia il glossario marittimo e la barca davanti a te è più avanti di te. Se segui e fai sempre le stesse virate, non riuscirai a raggiungerla. Per competere in questo ambiente servono idee diverse“.

Parla delle difficoltà di arrivare nel calcio italiano: “La difficoltà, soprattutto in uno sport ad alta pressione come il calcio ai massimi livelli, non è la formulazione di un piano, ma la sua esecuzione. Gli ostacoli non sono intellettuali, ma emotivi. La pressione è così forte da indurre a pensare a breve termine, a immaginare che ci siano scorciatoie e soluzioni immediate, che in realtà è molto difficile attenersi al piano che si sa intellettualmente essere quello giusto”.

Conclude con queste parole: “Per poterlo fare, occorre molta forza e unità all’interno del club. La tensione e la pressione fanno sì che l’unità sia difficile da mantenere, ma noi ci siamo riusciti e credo che la forza interna, la comunanza di intenti e la comprensione del modo in cui intendiamo agire siano davvero, alla fine, ciò che ci ha permesso di realizzare il piano che avevamo stabilito“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

Milan

ultimo aggiornamento: 09-06-2022


Gnonto: ecco quanto guadagna il giocatore dello Zurigo

Crisi Barcellona: servono oltre 500 milioni di euro