Il tecnico del Napoli Luciano Spalletti descrive la nuova idea societaria ed il nuovo progetto della sua squadra.

Luciano Spalletti si apre ai microfoni del Corriere della Sera raccontando gli aspetti di questo nuovo corso del Napoli tra campo e mercato. “Il nuovo Napoli vira nella direzione dei giovani forti, nel ridimensionamento degli ingaggi e nella filosofia della sostenibilità. Attorno a noi avverto scetticismo, mi dispiace. Perché ce la stiamo mettendo tutta per farci trovare pronti. Grazie a un mercato che, entro certi confini, sia funzionale alle nostre esigenze. Dybala non è arrivato, sento dire qua e là. Il tentativo è stato fatto dalla mia società, poi devi fermarti quando ci sono gli steccati”. 

Giacomo Raspadori

Questo non ci deve far sentire da meno. Tutte le squadre di vertice, e oltre alle milanesi e alla Juventus si sono aggiunte anche Roma e Fiorentina, si sono rinforzate in maniera significativa. Noi facciamo il nostro percorso sapendo che questo sarà un campionato anomalo e dunque strano per tutti. Le partite si giocano in campo non fuori. Vediamo, intanto il mercato è ancora lungo. Raspadori non è un mio giocatore ma è un ragazzo che avrebbe tutte le caratteristiche per darci una mano. Giovane, forte, versatile in tutti i ruoli dell’attacco, intelligente e soprattutto educato. Ha personalità, e noi ne abbiamo persa un po’ nel passaggio da un ciclo all’altro. Vediamo, con lui saremmo nella giusta direzione. Sarebbe il sostituto naturale di Mertens“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 06-08-2022


Sanches dimentica il Milan: “PSG progetto migliore per me”

Wijnaldum è ufficialmente un giocatore della Roma