Roma, lo sceicco non ha rilasciato "nessuna garanzia formale"


La vicenda dello sceicco a Roma diventa sempre più chiara, sebbene assuma contorni farseschi. Poco fa la società della Roma ha diffuso un comunicato (pubblicato sul sito ufficiale) nel quale viene fatta una precisazione non da poco sul presunto nuovo partner, che sarebbe intenzionato a rilevare una quota della Roma: Adnan Adel Aref al Qaddumi al Shtewi non ha rilasciato nessuna garanzia formale. Ad oggi è stato avviato soltanto il processo per analizzare lo stato finanziario e le disponibilità patrimoniali del "potenziale partner". Per questo motivo la società capitolina attenderà fino al 14 marzo per capire se effettivamente lo sceicco verserà i soldi per chiudere la trattativa. Ecco la nota ufficiale:

Su richiesta della Consob, a seguito del comunicato reso in data 21 febbraio 2013 dalla scrivente società AS Roma SPV LLC, socio di maggioranza di NEEP Roma Holding S.p.A., in riferimento all’accordo preliminare sottoscritto con lo Sceicco Adnan Adel Aref al Qaddumi al Shtewi (di seguito il "Potenziale Partner") per il suo ingresso, diretto o indiretto, nella compagine societaria che detiene la partecipazione di controllo di NEEP Roma Holding S.p.A., AS Roma SPV LLC informa che il Potenziale Partner è stato oggetto di un’attività di due diligence con riferimento alla disponibilità di risorse finanziarie idonee per realizzare operazioni di questo tipo e che il processo di due diligence finanziaria continuerà sino alla chiusura dell’operazione. Il Potenziale Partner ha reso le usuali dichiarazioni e garanzie in merito alla propria consistenza patrimoniale per far fronte ad investimenti di questo tipo. Non sono state rilasciate formali garanzie con riferimento all'esecuzione delle proprie obbligazioni. L’unica condizione per la chiusura dell’operazione è l'effettivo pagamento del prezzo dell’investimento effettuato. Il termine ultimo per il versamento del corrispettivo da parte del Potenziale Partner è il 14 Marzo 2013.

Nel comunicato viene infine ribadito che qualunque sia l'esito della trattativa la certezza è che "James J. Pallotta continuerà a mantenere la gestione delle operazioni di A.S. Roma S.p.A".
I tifosi da qualche giorno avevano avanzato perplessità, così come l'Unicredit, in merito al possibile ingresso in società dello sceicco giordano. Più entusiastica era parsa la stampa, mentre qualcuno era riuscito a scovare la sontuosa tenuta, si fa per dire, nella quale il presunto sceicco miliardario vive nei pressi di Perugia. Un bilocale.

Ricordiamo che soltanto giovedì scorso la Roma aveva fatto sapere che era "stato siglato un accordo preliminare con lo Sceicco Adnan Adel Aref al Qaddumi al Shtewi per il suo ingresso, diretto o indiretto, nella compagine societaria che detiene la partecipazione di controllo di NEEP Roma Holding SpA". Ora servono i soldi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail