Respinto il ricorso dello Schalke per Drogba, può giocare in Champions League con il Galatasaray

La Uefa ha respinto il ricorso intentato dallo Schalke 04 contro il Galatasaray, il club tedesco riteneva illegittimo lo schieramento di Didier Drogba nella gara d'andata degli ottavi di finale alla Türk Telekom Arena. Non è stato dello stesso avviso l'organismo continentale presieduto da Michel Platini che ha ritenuto evidentemente sufficiente l'autorizzazione provvisoria concessa dalla Fifa al club di Istanbul. I tedeschi dovranno quindi conquistare sul campo il passaggio ai quarti di finale, alla Veltins Arena di Gelsenkirchen, partendo dall'1-1 conquistato sul campo della squadra di Fatih Terim.

Lo Schalke 04 riteneva che l'attaccante ex Chelsea non potesse scendere in campo perché non presente nella lista Champions League presentata dal Galatasaray entro il termine ultimo che era fissato per il 1 febbraio. Il trasferimento si è infatti concluso successivamente ma i turchi hanno ottenuto dalla Fifa una licenza straordinaria per poter usufruire fin da subito delle prestazioni dell'africano, l'ok è arrivato però soltanto lo scorso 13 febbraio. Su queste basi i tedeschi all'indomani della sfida di coppa hanno presentato ricorso, ma non hanno convinto la Uefa che ha reputato più che sufficienti i documenti in mano ai giallorossi.

Da segnalare che nel frattempo il contenzioso resta aperto anche sul fronte cinese, lo Shanghai Shenhua infatti non si è ancora rassegnato alla partenza della sua stella e ritiene illegittimo il nuovo trasferimento in Europa in virtù del contratto che tecnicamente ancora legherebbe il giocatore alla squadra cinese. Di tutto altro avviso è Drogba che invece ritiene di aver rescisso il suo vecchio contratto in virtù delle inadempienze contrattuali di cui si sono resi protagonisti a Shanghai, l'ex Chelsea ad oggi deve ancora percepire alcune vecchie mensilità, per i cinesi però anche questi ritardi erano previsti dal contratto. Una storia quindi molto complessa che di sicuro vedrà nuovi sviluppi, almeno per quanto riguarda il duello tra Cina e Turchia.

  • shares
  • Mail