Rassegna stampa 29 maggio 2014: prime pagine di Gazzetta, Corriere e Tuttosport

Ecco come aprono oggi, 29 maggio 2014, i giornali sportivi

La Gazzetta dello Sport titola "I cento giorni che sconvolsero il Milan" raccontando l'ascesa e la caduta di Clarence Seedorf, la resurrezione di Adriano Galliani, la strana eclissi di Barbara Berlusconi e il ruolo di Silvio Berlusconi. Ossia il retroscena del licenziamento dell'olandese da allenatore del Milan, definito dalla Rosea "il più surreale e misterioso caso calcistico dell'anno". Centralmente il giudizio di Gigi Buffon sull'Inghilterra, che l'Italia affronterà all'esordio; quindi l'inferno di Donetsk dove lo sport è sparito sotto le bombe, Guarin saluta l'Inter, Morata vicino alla Juve e Florenzi pronto a tagliarsi l'ingaggio per puntare allo scudetto.

i cento giorni

Il Corriere dello Sport svela che il nuovo Milan di Inzaghi ripartirà da Cerci, richiesto ieri dall'allenatore nel vertice con Galliani. Nel taglio alto la presa di posizione della Roma su Benatia che deve restare nella Capitale, la cessione del Cagliari da parte di Cellino e l'interesse del Napoli per Ibarbo. Centralmente la dichiarazione velenosa di Conte su Inzaghi: "Allenare è un'altra cosa".

Tuttosport in apertura dà spazio alle dichiarazioni di Conte sul sogno di vincere la Champions e a quelle di Marotta sull'Atletico Madrid da non considerare un modello. Nel taglio alto il caos in casa Milan dove non c'è accordo sullo staff di Pippo Inzaghi e nemmeno sul ritorno in società di Arrigo Sacchi. Centralmente l'attesa dei tifosi granata per il verdetto dell'Uefa sull'Europa League, mentre Peres si avvicina sempre più al Torino. In chiusura la cessione del Cagliari agli americani conclusa nelle scorse ore. L'editoriale si intitola "Barbara-Galliani, pace finta".

  • shares
  • Mail