L’ex giocatore della Juventus Sami Khedira rivela qualche aspetto della personalità di Cristiano Ronaldo e come è stato scelto da Josè Mourinho.

Sami Khedira ha concesso un’intervista a ESPN: “Ho conosciuto due Cristiano Ronaldo. Uno a Madrid, al Real, e uno a Torino, alla Juventus. Nella mia seconda esperienza con CR7, l’ho trovato ancora egoista ma anche più leader, in maniera naturale. Non fraintendetemi, al Real faceva parte della squadra ma, a Torino, era un po’ più maturo. Da giovane era migliore di tutti. Così talentuoso… pensavo che quel ragazzo arrivasse ad essere tra i primi cinque calciatori al mondo. Poteva giocare in tutte le posizioni. Ma devi lavorare“.

Mourinho
Mourinho

Dopo la sconfitta contro la Spagna al Mondiale 2010, ero davvero sconvolto e depresso. Poi ho ricevuto un messaggio da mio fratello. Mi ha detto: “Mourinho ti ha chiamato, vuole che tu sia il suo 6”. Non pensavo che Mourinho fosse interessato a me, ero molto giovane e non ci credevo. Ma poi ho chiamato José e lui ha detto: “Sì, sei un giocatore incredibile e un ragazzo incredibile, voglio che tu ti unisca a me al Real Madrid”. Abbiamo avuto i colloqui, ma di uno o due minuti. José ha solo chiesto: “Quali sono le tue aspettative?” Ho detto che volevo vincere. E lui ha risposto “Fantastico, ci vediamo a Los Angeles tra due settimane”… e basta!”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 04-03-2022


Angelli: “La SuperLega non è fallita, 11 club hanno firmato un contratto vincolante”

Cambiasso: “Non esiste niente di impossibile, l’Inter non deve andare a Liverpool pensando che i giochi siano fatti”