Rassegna stampa 12 maggio 2014: prime pagine di Gazzetta, Corriere e Tuttosport

Ecco come aprono oggi, 12 maggio 2014, i giornali sportivi

La Gazzetta dello Sport titola “99 Juve” e raccontano il successo dei bianconeri contro la Roma in extremis grazie al gol dell’ex Osvaldo. In apertura spazio anche alle parole di Antonio Conte che ammette come sia molto complicato migliorarsi in futuro e spiega: “se lasciassi non starei fermo un anno”. Nel taglio alto il “matto” pronunciato da Galliani nei confronti di Seedorf, sempre più in bilico in casa Milan; quindi le due banane lanciate in campo contro Constant, definito “gesto di uno sconsiderato” da Colantuono. Nella spalla le sentenze: Catania e Bologna in Serie B insieme al Livorno, Sassuolo e Chievo si salvano con una giornata di anticipo. Quindi la riconferma di Mazzarri da parte di Thohir, lo scudetto al City in Premier e l’attesa per lo scontro diretto tra Barcellona e Atletico, decisivo per il titolo della Liga.

Il Corriere dello Sport titola “Conte, record e addio”, riportando le parole pronunciate dal tecnico alla fine di Roma-Juve. Nel taglio alto l’incubo Serie B per Livorno, Catania e Bologna la rottura tra Galliani e Seedorf. Centralmente il verdetto in Premier League e l’attesa per lo scontro diretto che assegnerà la Liga.

Tuttosport apre con “Godi Juve, Rodi Garcia” con evidente gioco di parole. Nessun riferimento alle dichiarazioni di Conte, che sembra destinato a dare l’addio. Nel taglio alto il sogno Europa che continua per il Torino, domenica prossimo impegnato a Firenze. Nel taglio basso l’ultimatum di Mazzarri e Galliani contro Seedorf. L’editoriale si intitola ‘le svolte di Conte e Ventura’.