Rassegna stampa 11 settembre 2014: prime pagine Gazzetta, Corriere e Tuttosport

Ecco come aprono oggi i quotidiani sportivi

La Gazzetta dello Sport dedica l’apertura della sua edizione odierna all’avvicendamento in Ferrari: Marchionne presidente al posto di Luca Cordero di Montezemolo, che va via con 27 milioni di liquidazione. Quindi il calcio con l’intervista a Guarin, che smentisce di aver mai chiesto il trasferimento alla Juventus, e la storia di Zaza, l’antidivo del gol. Centralmente la Juventus nei guai per gli infortuni di Vidal e di Tevez; nel taglio basso le accuse di Pato al Milan di averlo curato male e l’idea del falso nove di Guardiola, nata a notte fonda.

Il Corriere dello Sport titola “Rivoluzione rossa”, mentre nel taglio alto svela i segreti di Zaza, definendolo “l’ex ciccione”. Quindi gli infortuni di Vidal e Tevez che preoccupano la Juventus. Centralmente le critiche di Platini a Tavecchio e al calcio italiano; di seguito il via ai lavori per la riforma della Serie A e la tensione tra Roma e Lazio per il ruolo federale di Lotito. In chiusura le accuse di Pato allo staff sanitario milanista.

Tuttosport apre con “Allarme Juve” raccontando che Vidal dovrà stare fermo per circa 20 giorni e che Tevez ieri si è fermato a fine allenamento e rischia uno stop di un mese. Nella spalla i segreti del Bruges svelati al Torino da Walem, il veleno di Pato su Milan Lab e l’apertura di Dunga a Maicon, al quale il ct verdeoro è pronto a offrire una nuova possibilità. Centralmente i complimenti di Marotta a Zaza e le parole di Agnelli su Juve e Germania modelli di antirazzismo. Nel taglio basso gli scarsi risultati raccolti da Zidane in panchina, alla guida della seconda squadra del Real Madrid, il recupero della Serie B e i risultati della Lega Pro.