Paulo Fonseca

L’ex general manager della Roma Tiago Pinto conosce benissimo l’allenatore portoghese che sta per firmare coi rossoneri.

Tiago Pinto ha raccontato al sito dell’esperto di mercato Gianluca Di Marzio cosa aspettarsi da Paulo Fonseca. “Vedo questo trasferimento in Italia come un’opportunità che si merita. Paulo Fonseca ha fatto un lavoro incredibile al Lille, in un periodo di cambiamento della squadra che, al suo arrivo, aveva perso metà dei suoi giocatori. È riuscito ad avere due anni spettacolari con grandi risultati, con una grande campagna europea, ma soprattutto con un piano di gioco molto attrattivo che è stato elogiato da tutti. Ecco perché, al giorno d’oggi, venire in un club come il Milan è qualcosa che merita davvero”.

Paulo Fonseca
Paulo Fonseca

A primo acchito

“Subito i tifosi e la gente del club sentiranno che ha un’impronta molto forte sul gioco che vuole fare. E sono assolutamente certo che le cose andranno bene. Il club è anche una grande società, organizzata, con molte persone competenti, una buona squadra, grandi tifosi e penso che abbia tutto per funzionare“.

Le sue qualità migliori

“Le squadre allenate da Paulo Fonseca hanno sempre avuto una grande identità: un calcio d’attacco e dinamico. È anche un allenatore noto per la sua capacità di valorizzare i giocatori, soprattutto i giovani, in ogni club. I giocatori sono migliorati, cresciuti e maturati con il suo metodo di lavoro. E poi è davvero un essere umano con valori e qualità umane superiori. Questo lo rende un allenatore con cui è relativamente facile lavorare per un direttore o un presidente, o a seconda della struttura che hanno i club”. 

L’articolo Tiago Pinto: “Fonseca ha fatto cose incredibili a Lille, merita di allenare il Milan, i tifosi si accorgeranno subito di una cosa” proviene da Notizie Milan.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 30-05-2024


Il Milan si prepara ad un mercato da 100 milioni: spunta un nuovissimo obiettivo per la difesa

Capello: “Fonseca si sede su una panchina che scotta, può fare solo una cosa per conquistare la piazza”